secondo figlioDiventare mamma per la seconda volta dovrebbe essere facile, giusto? Se con il primo hai imparato tante cose e fatto molta esperienza, figuriamoci quando arriva il secondo figlio… una vera e propria passeggiata! Prima di tutto sai cosa ti aspetta e conosci perfettamente il modo in cui puoi prenderti cura del nuovo arrivato. Eppure, avere un secondo figlio può, per certi versi essere un trauma per la mamma. Ora non è che con questo post voglio spaventare tutte le mamme che desiderano diventare “mamma bis” e/o stanno progettando di avere un secondo figlio oppure sono già in attesa! Per carità!!! Resto del parere che diventare mamma è un’esperienza bellissima, e diventare mamma per la seconda volta  completa il tuo ruolo genitoriale, mentre diventare mamma per la terza volta… non ci penso nemmeno… magari me lo dite voi mamme “tris”!

A parte gli scherzi, davvero quando aspetti un secondo figlio hai una sicurezza tale che ti porta ad affrontare anche la gravidanza in maniera diversa. Almeno personalmente a me così è capitato, poi però ti rendi conto che tutto può essere completamente diverso dal primo figlio, non appena nasce il secondo! Vediamo insieme 5 cose che bisogna aspettarsi quando nasce un secondo figlio.

  1. I bambini sono tutti diversi: Il nuovo arrivato sarà sicuramente diverso dal primo figlio. Lo sappiamo benissimo che tutti i bambini sono diversi, ma poiché si tratta di fratellini è normale che come mamme cercheremo sempre di trovare delle somiglianze tra loro, ma spesso tali somiglianze non esistono proprio. Se il primo bambino non dormiva la notte (tipo mia figlia) potreste essere più fortunati con il secondo, oppure il secondo figlio può presentare un attaccamento nei vostri confronti già nei primi giorni dopo la nascita ancor di più dell’altro bambino che ritenevate “mamma dipendente”.  Insomma più passa il tempo e più mi accorgo che ciò che funzionava con mia figlia (in termini di disciplina, adattamento, svezzamento e tutto il resto) semplicemente non funziona affatto con il piccoletto.
  2. Hai dimenticato più di quanto credi: Effettivamente anche se non è trascorso molto tempo da quando sono diventata mamma per la prima volta (4 anni) io e mio marito non ricordiamo bene tutte le fasi vissute con Marta (la primogenita). Proprio in questi giorni infatti mi chiedevo alcune cose riguardo lo svezzamento e come mi ero organizzata la prima volta, perché attualmente trovavo delle difficoltà. Quindi anche se credete di ricordare tutto finirete per “sperimentare nuove tecniche” e affrontare diversamente le varie situazioni rispetto al passato.
  3. Due bambini possono portare più del doppio del lavoro: Si perché ti trovi a gestire nello stesso momento due bambini che richiedono entrambi attenzioni anche se in modo diverso ed allo stesso tempo devi cercare di curare la relazione ed il rapporto tra loro. Il bambino più grande ha bisogno di imparare ad essere un buon fratello e di solito ha bisogno di maggiore attenzione e va rassicurato in un momento così delicato di cambiamento. Questo per me è risultato il compito più difficile nei primi mesi e sembrava superato, ed invece dopo 8 mesi dalla nascita la mia bambina sta presentando atteggiamenti di gelosia nei confronti del fratellino.
  4. Non si può pretendere lo stesso livello di aiuto: Non capita a tutti ma per il secondogenito l’aiuto da parte di parenti e/o amici può essere ridotto ovviamente perché al secondo figlio siamo mamme già esperte ed invece secondo me ci vuole più aiuto per un secondo figlio che per il primo. Io ho sempre pochissimo tempo per tutto e spesso sento il desiderio di  voler chiamare una babysitter ma solo ed esclusivamente per avere più tempo da dedicare ad esempio ad uno dei due bambini oppure dedicarmi alla casa con più tranquillità!
  5. Il fratello maggiore non può reagire come previsto: Non importa quanto avete preparato il primogenito all’arrivo del fratellino, come vi dicevo prima, una volta che la famiglia aumenta potete davvero aspettarvi di tutto. La mia bambina sembrava aver preso bene l’arrivo del fratellino ma ora che è più attivo e partecipa di più alla vita familiare ha manifestato gelosia, ansia e anche un po’ di regressione per alcuni aspetti.

Ampliare la famiglia resta sempre una delle cose più belle a mio parere. Come genitore sei continuamente pronto ad affrontare nuove sfide che ti rafforzano anche come persona e spesso ti gratificano molto. E’ difficile sicuramente, anche se ti senti preparata su tutto, i bambini possono stupirti sempre, ogni istante. L’importante per me è mantenere la calma e soprattutto la sicurezza in se stessi, solo così questa nuova avventura può essere affrontata senza molto stress!

 

Info sull'autore

Teresa
Teresa
Sono mamma, blogger per passione, laureata in terapista della neuro e psicomotricità dell'età evolutiva, da sempre nel settore della prevenzione e riabilitazione, svolgo il mio lavoro presso studi privati e centri di riabilitazione; collaboro con ludoteche per la presentazione di progetti educativi e ludici in età evolutiva

Commenti

Cosa ne pensi? Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
Nome* Email* Sito Web

altri articoli

Ultimi Commenti



 
Stikets
 
TicketClub