ferro da stiroAvete mai portato il vostro ferro da stiro con caldaia ad aggiustare?  Io ci ho provato un paio di volte spendendo soldi inutilmente. Alla fine sono giunta alla conclusione che se il problema riguarda tasti, manopole,  filo della spina, ok, si può passare alla riparazione, altrimenti desistendo e comprando direttamente un ferro da stiro nuovo vi farà sicuramente risparmiare!

I ferri da stiro con caldaia per uso domestico, soprattutto quelli che costano al di sotto delle 150€, sono costruiti con materiali economici e componenti tarati per un tot di ore di funzionamento. E’ facile quindi che dopo la riparazione qualche altro problema non tarderà a saltare fuori!

Qualche giorno fa, il mio ferro da stiro con caldaia, dopo 5 anni di duro lavoro, ha iniziato a sbuffare vapore da solo e quindi mi è sorto nuovamente il dubbio sul da farsi: riparare o buttare? Mio marito che non butterebbe via niente, neanche le bustine delle merendine, secondo voi cosa avrebbe mai potuto consigliarmi? Ovviamente riparare il ferro da stiro… e ancora più ovviamente per il “mago del faidate” la riparazione la faremo noi!!! PAURA!!!

Per prima cosa assicuratevi che la spina sia scollegata dalla presa elettrica ed il ferro da stiro sia freddo. Controllare a questo punto che il tasto per la fuoriuscita del vapore sul ferro da stiro funzioni correttamente con un tester. Io ho pregato che fosse il tasto, perché l’ho già sostituito (sempre col faidate) e la riparazione è risultata semplice e molto economica. Purtroppo questa volta il tastino funzionava correttamente, quindi il problema è da addebitare all’elettrovalvola che non riesce a chiudere del tutto e quindi a trattenere il vapore nella caldaia.

_MG_3260
In questo caso bisogna per forza  passare allo smontaggio della caldaia, prima però, va svuotato il serbatoio dell’acqua tramite l’apposito tappo posto sul fondo della caldaia… mi raccomando, questa operazione non consiglio di lasciarla fare ai mariti, il rischio di allagamento è assicurato!!! 😀

 

Smontare quindi la caldaia. Mi raccomando utilizzate gli attrezzi adatti per evitare di rovinare le viti… nel mio caso c’erano delle viti che io avrei definito a fiore, ma che invece ha detto mio marito si chiamano torx o meglio resistorx perchè hanno un foro al centro etc etc… vi evito tutta la spiegazione che mi sono dovuta subire!!! L’importante alla fine è svitare quelle viti!

Smontato lo chassis della caldaia, bisogna individuare l’elettrovalvola e smontarla. Prima di staccare i collegamenti ai tubi ed ai fili però, vi consiglio di fare una foto (con il cellulare ci mettete un attimo) in modo da evitare errori nel rimontaggio. Staccare quindi i tubi ed i fili e svitare l’elettrovalvola ruotandola in senso antiorario con una pinza regolabile oppure una chiave fissa (io ho usato una chiave da 10).

L’elettrovalvola è formata da due parti: la valvola in ottone dove sono collegati i tubi e la bobina elettrica che invece è lo scatolotto dove sono collegati i fili. La valvola e la bobina, sono separabili svitando il dado che si trova sulla testa della bobina quindi potete sostituire solo il pezzo non funzionante. Nel mio caso, il problema era dovuto alla valvola che non chiudeva bene ed infatti il vapore usciva dalla caldaia anche senza premere il pulsante. Se fosse stata la bobina ad essere difettosa, invece il vapore non sarebbe potuto uscire dal ferro da stiro in quanto anche premendo il tasto, la valvola sarebbe rimasta sempre chiusa. Vabbè l’ho fatta semplice per capirci!

Smontata l’elettrovalvola, per il ricambio (non molto costoso 10-20€ dipende dal tipo), non ci resta che rivolgerci ad un rivenditore di ricambi per elettrodomestici in zona o cercare su internet. E’ possibile trovare sia l’elettrovalvola intera che i due pezzi separati se volete massimizzare il risparmio!

A questo punto non ci resta che avvitare la nuova elettrovalvola sulla caldaia. Per il montaggio è necessario del sigillante che resista alla temperatura di almeno 150°. Io ho usato del frenafiletti per alte temperature ma si può utilizzare qualsiasi sigillante anaerobico per tubature idrauliche. Collegare quindi i tubi e i fili alla nuova valvola…(avete fatto le foto giusto??? 😉 )

Bene, non ci resta che rimontare lo chassis, accendere il ferro da stiro e vedere cosa succede!!! La spina nella presa, per “sicurezza”, l’ho fatta inserire a mio marito, come ho lasciato fare a lui la prima accensione…ehm…conoscete il detto: “fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio” no? 😀 Tutto invece è andato nel verso giusto, i capelli di mio marito sono al loro posto ed il ferro da stiro ha ricominciato a funzionare…. e speriamo che lo faccia ancora per molto!!!

Info sull'autore

Teresa
Teresa
Sono mamma, blogger per passione, laureata in terapista della neuro e psicomotricità dell'età evolutiva, da sempre nel settore della prevenzione e riabilitazione, svolgo il mio lavoro presso studi privati e centri di riabilitazione; collaboro con ludoteche per la presentazione di progetti educativi e ludici in età evolutiva

Commenti

  1. Ottimo sito.
    Comunque avrei un problema con un ferro da stiro con caldaia fipo Master Stearato Ironia
    Modena. ss2000. Il ferro si presenta allo smontagiorno perfettamente integro.pero’ appena inserisci la spina nella presa e senza che fai girare la manopola di accensione ,s atta il differenziale.

  2. pierluigi

    buonasera;
    ho un problema con la mia caldaia polti prof.2 . appena la caldaia incomincia a produrre vapore il ferro lo lascia uscire senza nessuna possibilità di fermarlo.
    premetto che ho sostituito valvola ed elettrovalvola. ma il problema persiste ancora, pensavo fosse il tasto, ho provato a staccare i fili ma niente continua ad uscire. il ferro si riscalda. se provo ad attivare solo la caldaia il vapore non esce, ma appena attivo anche il ferro incomincia ad uscire il vapore.
    potete aiutarmi a risolvere il mio problema??
    ciao e grazie tutti

  3. salve ho un problema nel ferro acaldaia ho corrente nel filo da terra puo essere elettrovalvola??? grazie e saluti

  4. Massimo

    Ricordi o ricordate le misure delle torx? Intanto complimenti ,io non riesco a svitarle.

    • Ciao Massimo, ho usato una torx da 10 e come detto nel post è una di quelle con il buchetto al centro…

      • Complimenti per la riparazione Teresa ,anche io non butto mai nulla e tento sempre di riparare,alcune volte va bene ma altre era meglio non aprirle.Questa volta il mio ferro a caldaia polti non emana nessun vapore,aprendolo ho controllato ad occhio tutti i fili e sembrano collegati,adesso ho smontato l’elettrovalvola e sono in attesa di trovarne una nuova,intanto ne uso uno vecchio che avevo di scorta.Non ho la certezza che il guasto sia l’elettrovalvola,prima di comprarne una e buttare via i soldi,qualcuno sa dirmi come posso controllare quella smontata per capire se è rotta? Grazie

        • Mimmo

          Ciao Luigi, ho lo stesso tuo problema. Ho però scollegato il tubicino che porta il vapore al ferro. Ho riempito parzialmente la caldaia, e una volta raggiunta la temperatura, ho premuto il pulsante sul ferro, provocando così la fuoriuscita del vapore, stando attendo a non scottarmi. Il vapore esce regolarmente, pertanto è il ferro ad essere pieno di calcare…. Puoi provare in questo modo :-)))
          Ciao

Cosa ne pensi? Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
Nome* Email* Sito Web

altri articoli

Ultimi Commenti



 
Stikets
 
TicketClub