diploma scuola maternaPer la mia primogenita è arrivato l’ultimo giorno di scuola materna! “Ultimo giorno” non più inteso come “ultimo” prima delle vacanze estive, per poi riprendere a settembre. Oggi è davvero l’ultimo giorno di scuola materna in quanto un ciclo si conclude! Un ciclo durato tre anni!!

A settembre la scuola primaria ti aspetta amore di mamma! Come sarà per te? Ti sentirai pronta? Riuscirai ad affrontare serenamente questo cambiamento? Un nuovo ambiente, nuovi amichetti, nuove insegnanti… mamma quanti pensieri che percorrono la mia mente?!!! Sarà ansia???

Mi sembra ieri quando piccola piccola ha iniziato il primo giorno di asilo: il suo primo vero, reale distacco dai genitori e dall’ambiente familiare. Ed ora immaginarla in prima elementare… davvero mi vengono i brividi!

Per concludere i tre anni insieme, le maestre hanno preparato uno spettacolo bellissimo. Mesi di intenso lavoro svolto con i nostri bambini: hanno scritto il copione, preparato balli, scenografie, costumi, ed assegnato agli alunni le varie parti da recitare. Sono momenti questi importanti per i bambini e per la loro crescita: i compiti da svolgere, le prove da superare, l’impegno, la realizzazione di un progetto che man mano prende forma… sperimentare la drammatizzazione, i travestimenti, superare la timidezza…

La rappresentazione dal titolo: L’albero racconta 2 è un viaggio nel mondo della fantasia, tra le fiabe classiche più famose ( il brutto anatroccolo, i tre porcellini, la bella addormentata nel bosco, la bella e la bestia, la sirenetta). Protagonista della storia è la piccola Alice (nel paese delle meraviglie) che si lascia trasportare in questo viaggio fantastico dai racconti di Babbalbero, un vecchio saggio albero.

Marta è stata scelta per fare Alice e indovinate chi ha fatto l’albero? Mio marito!!! Si le maestre hanno coinvolto anche due papà e questo è stato bello.

Guardandoli sul palco insieme maestre, bimbi e papà “lavorare” affinché tutto riuscisse alla perfezione, mi ha portato ad una riflessione. In fondo rispecchiano senza dubbi il sistema scolastico che dovrebbe essere: non un sistema a sé, non un mondo a parte bimbi e maestre, ma un lavoro svolto insieme “scuola-famiglia”. Noi genitori affidiamo i nostri figli alle maestre e le maestre con dedizione, amore, prendono in carico i nostri bambini. E questo rapporto di fiducia va alimentato ogni giorno e negli anni.

Così è stato per me e mio marito e soprattutto per Marta. Le maestre sono state una guida nella crescita della mia bambina ma anche una guida per noi genitori. Non sono mancati momenti di confronto e di lunghe chiacchierate dopo la scuola per affrontare le varie problematiche che magari riscontravo a casa con la mia bambina o viceversa che Marta presentava a scuola. Fortunatamente non ho avuto grossi problemi con Marta, anzi per essere andata a scuola a due anni e mezzo davvero non mi posso lamentare. Però anche nelle piccole cose, pure a volte banali, il confronto con la maestra per me è stato fondamentale!  Questo porta ad instaurare un legame forte e se il genitore ha fiducia nell’insegnante, il bambino in generale non può che sentirlo e vivere così in piena serenità i suoi anni scolastici. L’ingresso alla scuola materna è forse tra i più importanti  percorsi scolastici del bambino. E’ il suo primo approccio ad un ambiente nuovo, ad una figura adulta diversa dal genitore o dai nonni, le prime relazioni da instaurare con i coetanei, la prima condivisione di esperienze, etc…

Sono stati tre anni bellissimi e sono contenta che la mia bambina porterà nel suo cuore un ricordo positivo dell’asilo! Grazie soprattutto alle sue maestre!

Adesso? Non sono ancora sicura che Marta abbia realizzato che a settembre inizierà un nuovo percorso… Lavoreremo su questo nella pausa estiva… ovviamente vi terrò aggiornate con un post sull’argomento! Per adesso ci godiamo le vacanze.

 

Info sull'autore

Teresa
Teresa
Sono mamma, blogger per passione, laureata in terapista della neuro e psicomotricità dell'età evolutiva, da sempre nel settore della prevenzione e riabilitazione, svolgo il mio lavoro presso studi privati e centri di riabilitazione; collaboro con ludoteche per la presentazione di progetti educativi e ludici in età evolutiva

Commenti

Cosa ne pensi? Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
Nome* Email* Sito Web

altri articoli

Ultimi Commenti



 
Stikets
 
TicketClub