pulizie in casaNell’ultimo periodo fare le pulizie di casa in piena tranquillità è diventata ormai una vera impresa. Non mi ricordo più l’ultima volta che ho svolto le faccende domestiche tutte di seguito senza nessuna interruzione! Erano belli i primi tempi da sposata: la casa nuova, sempre pulita, sempre ordinata, la lavatrice veniva caricata con molta calma e tranquillità, i panni stesi subito appena lavati, in un paio d’ore riuscivi a stirare i panni di un’intera settimana… e anche se trascorrevo la maggior parte del tempo a lavoro non avevo mai niente arretrato!

Certamente ora la vita è più bella per la presenza dei miei figli, ma per quanto riguarda la gestione della casa… beh stendiamo un velo pietoso!!! Carichi la lavatrice e poi dopo una notte e metà mattinata ti ricordi che hai i panni da stendere, per non parlare di quante lavatrici fai ogni giorno! E stirare? Va bene si stira il necessario… quello che serve a tuo marito il giorno dopo e poi basta.. appena hai un attimo, dopo anche giorni e giorni stiri qualche altro capo ed intanto la cesta dei panni da stirare aumenta… aumenta… aumenta. Per non parlare delle pulizie di casa: se riesci a lavare a terra non puoi permetterti anche di spolverare, pulire i vetri, lampadari etc. Nooo assolutamente non c’è tempo, un giorno lavi il pavimento, un altro giorno spolveri ed intanto sei di nuovo punto e a capo. Praticamente la casa pulita dura mezza giornata o al massimo una intera… dipende dai casi!

Ho valutato la mia situazione ora che sono mamma bis, con un bimbetto di 9 mesi che richiede il massimo delle attenzioni, confrontandola a quando non ero mamma. Beh! La situazione è peggiorata di molto!  Con i bambini piccoli anche le pulizie in casa più semplici sembrano a volte impossibili! Come fare per non impazzire?

Innanzitutto se come me eravate super fissate per la casa (ad esempio dopo aver pulito il bagno c’era il divieto assoluto di usare la doccia per i prossimi giorni) una volta diventate mamme con bambini piccoli, non lo sarete più o comunque dovete abbandonare l’idea di essere fissate per l’ordine e la pulizia. Quindi ritornando alla mia domanda: come fare per non impazzire? Io sopravvivo in questo modo:

  1. Addio fissazioni sull’ordine, sulla massima pulizia e splendore della casa. Insomma a volte chiudere un occhio è meglio!
  2. Tenere il bambino impegnato: ecco quando devo pulire o fare qualcosa che mi porta a stare un pò occupata, allora è il momento di far fare qualcosa ai bambini che di solito non sempre fanno. Ad esempio quando lavo i piatti (lo facevo anche con mia figlia quando era piccola), metto il mio piccolino seduto a terra in modo da non perderlo di vista e lo lascio giocare con i contenitori in plastica che sono nel cassettone in cucina. Lui si diverte, non si fa male perchè lo controllo ed io riesco a lavare i piatti e stoviglie di seguito senza interruzioni.
  3. Rompere gli schemi: Se prima di avere figli avevo un giorno specifico per la pulizia, per stirare etc, ora non più. Piuttosto divido il tempo per le pulizie in parti gestibili, massimo mezz’ora/ 40 minuti (o comunque giusto il tempo che  mio figlio ha un po’ di autonomia con i giochi), ogni giorno sono sufficienti, basta comunque dare sempre la priorità alle cose più necessarie.
  4. Coinvolgere i bambini nelle faccende domestiche: E questo lo faccio con la mia primogenita già da qualche tempo. E’ vero che quando coinvolgi loro poi tutto rallenta ma spesso è anche un modo per condividere insieme sotto forma di gioco un momento che mi serve per forza. E così pieghiamo ed appaiamo insieme i calzini (ottimo anche per apprendimento dei colori, per aumentare l’attenzione al compito, etc), contiamo le mollette che servono per stendere i panni, Marta mette i panni stirati nei cassetti, oppure asciuga le stoviglie. Certo non è che partecipa sempre o io ne approfitto, assolutamente no. Anzi spesso è lei che mi chiede “mamma ti posso aiutare?”, “posso spolverare”? etc… Lei è felice di rendersi utile e spesso ci guadagno un po’ anche io!
  5. Fare lavori più lunghi quando il bambino dorme: è giusto riposare quando i nostri figli fanno il pisolino pomeridiano, ma spesse volte è l’unica occasione che abbiamo e quindi sempre meglio approfittare.

La vita cambia quando si hanno dei bambini, ed è vero, e soprattutto cambia il nostro modo di fare le cose e nello specifico di fare le pulizie in casa. La giornata va adattata in base alle loro esigenze, in base ai bambini in generale e così facendo riusciamo anche a svolgere qualche pulizia in casa. Certo non possiamo pretendere che siano loro ad adattarsi alle faccende domestiche!

 

Info sull'autore

Teresa
Teresa
Sono mamma, blogger per passione, laureata in terapista della neuro e psicomotricità dell'età evolutiva, da sempre nel settore della prevenzione e riabilitazione, svolgo il mio lavoro presso studi privati e centri di riabilitazione; collaboro con ludoteche per la presentazione di progetti educativi e ludici in età evolutiva

Commenti

  1. Zia kekkaZia kekka

    Povera te! Non ti invidio proprio…. meno male che hai Marta che è bravissima in tutto e per tutto

    • Si infatti con Marta piccolina era più facile fare le pulizie, con Matteo… non ne parliamo proprio! Poi vedrai tutte le tue fissazioni svaniranno!!!

Cosa ne pensi? Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
Nome* Email* Sito Web

altri articoli

Ultimi Commenti



 
Stikets
 
TicketClub