lega del filo d'oroIn Italia ci sono tantissime associazioni che si impegnano in attività solidali e di assistenze. Queste formano quello che viene chiamato il terzo settore. Per la maggior parte si compone di piccole organizzazioni che agiscono in ambito locale. Si dedicano a molte attività come l’assistenza agli anziani, il volontariato, migranti e disabili. Esse accolgono al suo interno molte persone in alcuni casi diventano dei luoghi di ritrovo per eventi, mostre e festival. Il mondo del terzo settore è diventato un terreno fertile per dare vita un’idea o a un progetto personale. Molti di queste iniziate cominciano da un’esperienza personale e tanti fondatori partono proprio da questo. La loro volontà diventa come un’onda la quale da vita una rete che raccoglie sempre più persone.

Una rete che incoraggia

La Lega del Filo d’Oro è un Onlus molto attiva in Italia e si dedica al sostegno di adulti e bambini sordociechi e pluriminorati psicosensoriali. La sede nazionale è a Osimo ma è presente anche nelle maggiori città italiane. lega del filo d'oroIl suo attivismo è iniziato molto tempo fa quando Sabina Santilli, anche lei sordocieca, e un gruppo di volontari diedero vita a questa organizzazione. Sono a passati alcuni decenni e siamo arrivato a un momento importante perché quest’anno verrà inaugurata la nuova struttura della Lega nella quale verranno inseriti tutti gli ambulatori, gli uffici amministrativi e un grande dormitorio capace di ospitare quasi cento utenti. Questa struttura all’avanguardia diventerà un grande punto di riferimenti sia a livello nazionale sia europeo. Saranno ospitati anche i familiari degli utenti in modo da poter essere presenti e disponibili. Nel percorso riabilitativo la famiglia viene coinvolta per dare modo di superare le difficoltà insieme. Alcune attività saranno per loro come le sedute individuale e di gruppo per affrontare i disagi che arrivano dal membro disabile della famiglia. Un percorso di crescita è sia esteriore sia interiore.

Le diagnosi verranno eseguite da un equipe multidisciplinare in grado fornire indicazioni dettagliate e una percorso riabilitativo ad hoc per l’utente. Questo team si compone di molte figure professionali diversi come medici, pediatri, fisioterapisti, educatori, psicologi e assistenti sociali per agire trasversalmente incidendo su tutti gli aspetti. La Lega si pone come baluardo nel portare speranza a famiglie e utenti accompagnandoli verso un miglioramento nella qualità della vita.

Per fare questo la Lega ha iniziato a accettare come risorse i lasciti testamentari solidali dove soggetti privati hanno deciso di concedere piccole somme per permettere di portare avanti le attività.

Azioni sincere

Recentemente è stato dato inizio a una campagna per l’adozione di un bambino sordocieco a distanza. lega del filo d'oroQuesta iniziativa si chiama Adotta un Mondo di Si. Si presenta come un monito per dare sostegno a chi è in situazione di disagio e difficoltà. La campagna racconta la storia di Agostino, un bambino sordocieco che fino a otto mesi era considerato malato e sebbene ben curato rimaneva nel suo lettino. L’incontro della sua famiglia con la Lega ha permesso di cominciare un nuovo capitolo della loro storia perché nel corso degli anni Agostino ha imparato il linguaggio pittoresco e la lingua dei segni italiana. La prima parola che ha espresso tramite i gesti è stata “mamma”. Lentamente sta imparando a camminare e questa campagna è dedicata a lui e a tutti quei bambini che hanno detto “Sì” alla vita e alla speranza.

 

 

Info sull'autore

MammaCheBrava
MammaCheBrava

Commenti

Cosa ne pensi? Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
Nome* Email* Sito Web

altri articoli

Ultimi Commenti



 
Stikets
 
TicketClub