cenare insiemeCenare insieme tutta la famiglia è molto più importante di qualsiasi altra cosa fatta durante la giornata! Eh già, sappiamo bene oggigiorno quanto si corre… genitori che lavorano, bimbi impegnati a scuola fino a tardi, pomeriggi pieni tra compiti, palestra etc… alla fine ci si ritrova solo la sera, tutta la famiglia al completo che rientra a casa e finalmente può rilassarsi e cenare insieme! Ma intorno alle nostre tavole c’è lei… oggetto importante, e spesso elemento di disturbo… ovvero la TV! Se in casa vostra ci sono bimbi è ovvio che si mangia con la TV accesa, su canali logicamente per bambini, quelli dei cartoni animati… oppure si fa presto a farli mangiare prima, così poi i bimbi corrono a giocare nell’altra stanza e i genitori possono guardare il programma preferito o ascoltare le notizie del tg in santa pace!!! Nessuno che parla, e quindi “cenare insieme” per modo di dire…

Eppure cenare insieme tutta la famiglia può sembrare scomodo, banale ed invece è uno dei momenti migliori per costruire e rafforzare le relazioni familiari. Io e mio marito abbiamo sperimentato questa cosa in famiglia e siamo contenti della scelta fatta. Praticamente abbiamo deciso di togliere la televisione dalla stanza dove pranziamo e ceniamo proprio per dare una giusta importanza al momento dei pasti e soprattutto per dialogare insieme della giornata trascorsa. Di solito la sera ci ritroviamo tutti insieme per cenare alla stessa ora, non molto tardi, così da terminare giusto per quando inizia qualcosa in tv, che guardiamo poi comodamente sul divano nell’altra stanza.

Ma quali sono nello specifico i motivi che hanno spinto me e mio marito in questa scelta?Ve li elenco subito:

  1. Insegnare le buone abitudini alimentari: Prestare attenzione a ciò che si mangia è fondamentale anche per un senso di sazietà poiché la persona è consapevole di ciò che sta mangiando e si rende conto anche di quanto mangia se a tavola non ha distrazioni. In questo modo pure i bambini imparano l’importanza di una corretta alimentazione se spieghiamo ciò che gli abbiamo cucinato. E poi i figli crescono sapendo che è importante mangiare a casa piuttosto che preferire il ristorante ogni giorno. Sempre meglio un pasto cucinato a casa che stare fuori tutte le sere soprattutto se i figli sono più grandi di età.
  2. Imparare come comportarsi a tavola: I bambini imparano molto dall’imitazione e noi genitori siamo in primis un esempio per loro. Il comportamento a tavola e l’autonomia a mangiare da solo a pulirsi la bocca, ad utilizzare bene le posate etc. il bambino l’apprende da noi adulti. Mangiando tutti insieme i piccoli imparano a stare a tavola e possono mangiare anche in presenza di estranei.
  3. Stabilire relazioni con la famiglia: sedersi senza televisione crea un’atmosfera tale che tutti i membri della famiglia (grandi e piccini) possono condividere storie, pensieri e porre domande. Utilizzare la cena come momento per godere della compagnia reciproca, per parlare ed imparare gli uni dagli altri. Anche perché durante il giorno non ci sono altri momenti come questi, meglio approfittare.
  4. Vedere insieme i problemi e dare consigli: Non importa se i nostri bambini sono ancora piccoli, ogni consiglio dato è importante per guidarlo nella vita. A volte i bambini non raccontano ciò che hanno fatto durante il giorno, ma spesso anche attraverso una loro banale risposta possiamo capire se va tutto ok oppure se c’è qualcosa che non va. Il tono, il loro atteggiamento può aiutarci in questo!

Se dedicate del tempo per la cena in famiglia, vedrete che diventerà un momento caro per tutti i membri. Come vi dicevo, io e mio marito lo sperimentiamo ogni giorno ed è bello come momento anche per la coppia. Con i bambini piccoli non sempre riesci a fermarti un attimo e parlare, noi approfittiamo della cena o quando capita il pranzo ma mai con la televisione. Quando abbiamo ospiti a cena, anche con bambini, vediamo la difficoltà che hanno entrambi (non tutti, ma è spesso capitato) di stare a tavola senza televisione, anzi se ne accorgono subito. Ma noi con molta tranquillità li rassicuriamo che la TV c’è in casa, ma può aspettare!

Info sull'autore

Teresa
Teresa
Sono mamma, blogger per passione, laureata in terapista della neuro e psicomotricità dell'età evolutiva, da sempre nel settore della prevenzione e riabilitazione, svolgo il mio lavoro presso studi privati e centri di riabilitazione; collaboro con ludoteche per la presentazione di progetti educativi e ludici in età evolutiva

Commenti

Cosa ne pensi? Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
Nome* Email* Sito Web

altri articoli

Ultimi Commenti



 
Stikets
 
TicketClub